Grammatica

Preposizioni proprie e improprie: elenco ed esempi

Quali sono le preposizioni improprie e proprie e come vengono utilizzate all’interno delle frasi? Ecco una guida accurata con definizioni ed esempi sull’uso delle due tipologie di preposizioni e un’elenco di preposizioni da scegliere in base al verbo che devono accompagnare, con frasi di esempio.

Preposizioni proprie e improprie

Le preposizioni proprie:  cosa sono e come si classificano

Le preposizioni proprie sono parole che vengono utilizzate solo come preposizioni. Vengono comunemente divise in preposizioni proprie semplici: di, a, da, in, con, su, per, tra, fra e preposizioni articolate, formate cioè da preposizioni semplici più l’articolo determinativo, che possono anche avere valore di avverbio come nella frase: Riposati sul divano. (preposizione) / Sali su. (avverbio).
Per conoscere usi e funzioni delle preposizioni semplici e articolate, clicca qui.

Preposizioni proprie

Le preposizioni proprie sono parole che vengono utilizzate solo come preposizioni. Vengono comunemente divise in preposizioni semplici: di, a, da, in, con, su, per, tra, fra preposizioni articolate, formate cioè da preposizioni semplici più l’articolo determinativo, che possono anche avere valore di avverbio.

Cosa sono le preposizioni improprie?

Le preposizioni improprie invece sono parole che hanno la funzione di preposizione solo se precedono un nome o un pronome, formando un complemento indiretto.
Ecco un elenco con le principali preposizioni improprie:
preposizione impropria esempi
Attenzione è importante ricordare che queste parole sono preposizioni soltanto se reggono un nome o un pronome.
Di seguito frasi con preposizioni improprie di esempio:

  • Ci vediamo dopo: avverbio.
  • Vieni da me prima di cena: preposizione.
  • Maria ha comprato un lungo tavolo per la camera da pranzo: aggettivo.
  • Lungo la sponda del fiume si sedevano i pescatori: preposizione.

Leggi anche: Il nome: le parti del nome, il genere e il numero

Come scegliere la preposizione adatta al verbo

Alcuni verbi sono seguiti da una preposizione e richiedono solo quella. Quando però si crea il dubbio su quale preposizione usare dopo alcuni verbi è bene consultare il dizionario. In alcuni casi infatti la preposizione che segue il verbo è diversa a seconda del significato che assume il verbo stesso.

Ecco alcuni esempi per le preposizione proprie e per le preposizioni improprie, frasi per comprendere meglio quale scegliere accanto a determinati verbi.

  • Assistere (prestare assistenza: senza prep.): Abbiamo assistito il ferito.
  • Assistere a (essere presente): Abbiamo assistito allo spettacolo.
  • Cercare (qualcosa che non si trova: senza prep.): Cerco le chiavi di casa.
  • Cercare di (provare): Hanno cercato di entrare.
  • Cominciare a (fare qualcosa): Cominciamo a uscire.
  • Cominciare con: Cominciamo con un antipasto?
  • Credere a (aver fiducia): Credete soltanto lui.
  • Credere in (aver fede): Credo in Dio.
  • Resistere a: Questa pianta resiste bene al vento.
  • Sperare di: Speriamo di riuscire.
  • Temere di: Temono di essere bocciati.


Leggi anche:Locuzione prepositiva: regole pratiche ed esempi

Lascia un commento