Complementi Grammatica

I complementi diretti e indiretti: quali sono e che funzioni hanno?

I complementi si classificano in complementi diretti e indiretti. Della prima categoria fanno parte il complemento oggetto e i complementi predicativi, mentre la sezione dei complementi indiretti è molto più ricca. Vediamo l’elenco completo dei complementi e come utilizzarli al meglio nelle frasi in italiano.

I complementi diretti: definiamo i concetti

I complementi diretti sono collegati direttamente alla parola a cui si riferiscono direttamente cioè senza preposizione. Di solito sono anticipati da un verbo transitivo attivo o da un verbo copulativo.
I complementi diretti sono:
Il complemento oggetto: che completa il significato di un verbo transitivo attivo, permettendo il passaggio in modo diretto dal soggetto che compie l’azione al complemento che la riceve.
I complementi predicativi: complementi diretti formati da un nome o un aggettivo che si dividono in complementi predicativi dell’oggetto e del soggetto.

Il complementi indiretti: come utilizzare la maggior parte dei complementi

Quasi tutti i complementi italiani rientrano nella sezione dei complementi indiretti, che si collegano al verbo e ad altri elementi della frase indirettamente, tramite una preposizione o in modo non immediato. In grammatica i complementi indiretti si distinguono in base al significato che esprimono nella frase.
Inoltre in una stessa frase possono essere presenti più complementi indiretti:

  • Arriverò in treno con Maria alle otto. = sono presenti nella frase un complemento di mezzo, di compagnia e di luogo.
  • Oggi la lezione della professoressa su Dante è stata interessante. = sono presenti un complemento di specificazione e un complemento di argomento.


Leggi anche: Le risposte a tante domande e dubbi sulla grammatica.

Quali sono i complementi indiretti?

Ecco la lista completa sulla quale poter cliccare per accedere alla sezione con le regole per tutti i complementi in italiano che utilizziamo di frequente nelle frasi.

tutti i complementi

complemento di specificazione: di chi / di che cosa? complemento partitivo: tra chi? / tra che cosa? complemento di termine: a chi? / a che cosa? complementi d’agente e di causa efficiente: da chi? da che cosa? complementi di luogo: rispondono a diverse domande in riferimento al luogo di un’azione complementi di tempo: quando? in che tempo?

elenco complementi

complemento di causa: perché? per quale ragione? complemento di fine o scopo: perché? con quale scopo? complemento di mezzo o strumento: con che cosa? per mezzo di chi? complemento di modo o maniera: come? in quale maniera? complementi di compagnia e di unione: con chi? con che cosa? complemento di qualità: di che tipo? di che qualità?

lista complementi

complemento di argomento: a proposito di chi? riguardo a che cosa? complemento di limitazione: in quanto a chi? in che cosa? complemento di denominazione: di quale nome? complemento di materia: di quale materia? di quale sostanza? complemento di paragone: rispetto a chi? rispetto a che cosa? complemento di quantità: età, peso e misura, stima e prezzo.

Leggi anche: Avverbi: cosa sono, quali sono le diverse forme e le risposte ai dubbi più frequenti

Gli altri complementi indiretti usati con minor frequenza

Oltre ai complementi indiretti che abbiamo elencato in precedenza ve ne sono altri che utilizziamo meno frequentemente nelle frasi in italiano, ma che è giusto conoscere per avere regole su come utilizzarli in proposizioni.

complementi meno usati

complementi di distanza, abbondanza, privazione e complemento distributivo; complementi di colpa e pena e complemento di vantaggio e svantaggio; complemento concessivo, di vocazione e complemento di relazione; Complementi di esclusione e di sostituzione.

Leggi anche: Locuzioni avverbiali: cosa sono e come si classificano